Siamo dei privilegiati, è fuori discussione. Pensare che nei secoli scorsi si poteva arrivare a “morire di sesso” fa rabbrividire, e invece è così.
Siamo senza dubbio dei privilegiati. Non è incredibile che , al giorno d’oggi, possiamo esclusivamente beneficiare di un’attività così piacevole? La cioccolata fa ingrassare, fumare fa male, i viaggi sono dispendiosi, etc etc…insomma sembra che i piaceri della vita siano in qualche modo sempre legati ad una contropartita….ma il sesso no….unico diktat? Usare un pochino di cervello e di maturità.
Nell’era preantibiotica alcune malattie sessualmente trasmesse, potevano se trascurate, portare alla morte o comunque a lesioni gravi e danni permanenti. Ad ogni modo, il fatto che ora disponiamo di tanti farmaci non è comunque una buona ragione per far “calare l’attenzione”, anzi, purtroppo negli ultimi anni, proprio a causa di una maggiore libertà sessuale e promiscuità si è assistito ad un aumento esponenziale di alcune malattie, e purtroppo, alcune di esse, non sono curabili.
Ma quali sono le malattie che possiamo contrarre facendo l’amore? Purtroppo un’infinità!
Intanto bisogna considerare che vi sono alcune malattie la cui trasmissione avviene pressoché unicamente con il contatto sessuale, e tante altre che possono trasmettersi in tantissimi modi tra cui il contatto sessuale.
Chi non si è mai preso un raffreddore, baciando un partner raffreddato? È infatti inimmaginabile la quantità di germacci presente nella nostra saliva , nei vari fluidi corporei e sulla pelle, ma questo non deve per forza farci rabbrividire, ognuno ha i “propri germacci” e la maggior parte sono innocui e anzi, sono coloro che contribuiscono magari a rendere così irresistibile l’odore della pelle dell’amato.
Vediamo brevemente le più comuni malattie legate pressochè sempre ad un contatto sessuale.
condilomi acuminati: frequentissimi, si tratta di escrescenze (sono cugini delle verruche che si prendono in piscina per capirci) più o meno grosse e più o meno numerose che insorgono a livello dei genitali maschili e femminili. Oltre ad un indubbio effetto horror, devono preoccupare in quanto se insorgono internamente a livello uterino (e a volte, se trascurati per anni, anche a livello del pene) possono dal luogo a tumori gravi. Proprio a scongiurare ciò mediante una diagnosi precoce serve effettuare per le donne il pap-test.
herpes simplex: ebbene sì, non solo sulle labbra, ma può venire anche sui genitali e generalmente il paziente non è affatto contento di trovarsi delle dolorosissime ulcere proprio lì. E quindi, se siete dei soggetti che periodicamente soffrono di herpes sulla bocca, siate gentili, rimandate baci e rapporti orali ai periodi di benessere!
sifilide: che non venga in mente a qualcuno di dire “ma esiste ancora????”, eccome, eccome, e non immaginate quanto. Si manifesta inizialmente con un noduletto ulcerato che non fa neanche tanto male e passa da solo…ma sembra passare…in realtà il batterio rimane nel nostro organismo e continua a “lavorare”, creando, anche a distanza di anni ed anni, innumerevoli danni fino anche alla morte. Da sottolineare che il noduletto di cui sopra può insorgere in un sacco di posti inizialmente…pene, vulva, ano, lingua , palato…a seconda delle nostre abitudini!
gonorrea: fuoriuscite di pus , uretriti, faringiti chi più ne ha più ne metta…
infezione da Chlamydia: vedi sopra…ma le conseguenze in una donna possono essere drammatiche, e purtroppo spesso , nonostante gli eventuali trattamenti, esita sterilità.
tricomoniasi: perdite verdastre e prurito, qualcuno è interessato?
ulcera molle: non frequente alle nostre latitudini…ma durante i viaggi esotici attenzione!!
infezione da Gardnerella: tipicamente rende le secrezioni femminili maleodoranti “di pesce”…
Poi vi è invece un gremitissimo gruppo di patologie la cui trasmissione è anche, ma non solo, sessuale. Possiamo annoverare:
infezione da HIV, di cui tutti abbiamo sentito parlare, malattia gravissima che determina depressione del nostro sistema immunitario, si trasmette con sangue, sperma, secrezioni vaginali
epatite B…la maggior parte dei giovani dovrebbe essere vaccinata, la trasmissione avviene come per l’HIV con sangue e fluidi corporei
epatite C, la trasmissione avviene per lo più col sangue, ma in occasione di rapporti “bellicosi” in cui si creino piccole ferite piuttosto che durante il ciclo, il contagio è possibile
scabbia, pidocchi, piattole….tutti parassiti orribili che fanno grattare come scimmie… il contagio avviene per contatto abbastanza stretto con la persona affetta, quindi ovviamente anche con un rapporto sessuale. Una volta contagiati, è a rischio tutta la nostra famiglia e le persone con cui veniamo quotidianamente a contatto
candida, non è definibile tout court una malattia sessualmente trasmessa. Infatti ne si può anche essere affetti senza avere rapporti in quanto è un fungo che può abitare anche in condizioni normali sul nostro corpo e quindi talvolta determinare manifestazioni cutanee come perdite biancastre, bruciori, rossori. Certo è che andare a letto con qualcuno affetto da candidosi in atto ci mette potenzialmente a rischio di contrarla
Potrei continuare ancora, ma mi dilungherei troppo. Se siete arrivati a leggere fin qui può essere anche che abbiate deciso di dedicarvi all’autoerotismo per il resto dei vostri giorni (ammesso che non faccia diventare ciechi) , in realtà la maggior parte di queste orribili malattie sono assolutamente prevenibili dall’utilizzo del preservativo nonché da una certa “selezione all’ingresso”…è chiaro che nessuno ha scritto sulla fronte “ho una malattia sessualmente trasmissibile”, ma certamente fiondarci col primo sconosciuto che passa non è cosa saggia.
Viceversa, io credo che ogni persona sulla faccia della terra si meriti da noi, almeno in questo frangente, il massimo del rispetto ; se sappiamo di non essere a posto, di avere qualche problemino solo sospettato o già diagnosticato, cerchiamo di non sottovalutarlo e di curarci del tutto prima buttarci in nuove relazioni, anche se occasionali.
Insomma fare l’amore o fare sesso è bello; farlo senza rimpianti e rimorsi per la salute nostra e altrui lo è ancora di più!

Nessun Commento

Rispondi