Nel 2014 Arunachalam Muruganatham è stato incluso dal Times, nell’elenco dei 100 personaggi più potenti per via del macchinario, da lui ideato, che realizza assorbenti con un costo accessibile, cosa fondamentale in un luogo come l’India, dove il tasso di povertà è molto elevato e la possibilità di accedere ai prodotti necessari è spesso difficoltosa.

Questa storia cominciò nel 1998 quando, un giorno, vide sua moglie, Shanthi, nascondere tessuti pieni di sangue di cui si serviva durante il ciclo mestruale. Nel momento in cui le chiese spiegazioni, lei rispose che non aveva la possibilità di acquistare i prodotti necessari.

Egli a questo punto scelse di produrli autonomamente: all’inizio comprò un rotolo di cotone idrofilo, lo fece in parti che avevano le stesse misure degli assorbenti che si potevano trovare nei negozi, e infine vi volse attorno uno strato di cotone e domandò a Shanthi di provarlo. Il risultato non ebbe successo ma, nonostante ciò, Muruganatham non si arrese, deciso a dare la possibilità alle donne indiane di potersi servire di prodotti sicuri, dato che molte non riescono ad averli e, quindi, si adattano spesso a metodi poco igienici e potenzialmente dannosi per la salute.

Dopo l’iniziale insuccesso ebbe inizio la prova di diversi materiali ma per farli verificare alla moglie doveva attendere l’arrivo del ciclo. Fece poi testare le sue invenzioni a delle studentesse di medicina ma erano eccessivamente imbarazzate per fornirgli spiegazioni sufficientemente esaurienti.

A questo punto, avendo ideato uno stratagemma con il quale riusciva a simulare le mestruazioni, iniziò a provare su di sé; ciò fu difficoltoso per lui, ma alla fine i suoi sforzi e le sue ricerche hanno avuto successo ed è riuscito nel suo intento: è stato infatti effettuato un macchinario apposta per la creazione di assorbenti a costi accessibili.

Questi macchinari hanno inoltre portato lavoro per le donne delle zone rurali e ventisette fra i luoghi che hanno un tasso elevato di povertà se ne sono provvisti e altri esemplari sono indirizzati verso posti in via di sviluppo.

L’uomo, attualmente stimato imprenditore, ha ricevuto proposte di acquisto della sua invenzione, tuttavia preferisce optare per i “self-help group” composti da donne intente a dare il via a un loro micro business.

FOTO COPERTINA
TPI

Nessun Commento

Rispondi